Tavoli da cucina: tipologie

Nella scelta di un arredo apparentemente semplice come i tavoli da cucina si intersecano in realtà diversi aspetti.

Uno dei più importanti riguarda la necessità di integrare il binomio forma-funzione con la moderna “cultura del bello” che predilige sempre di più i prodotti di design curato e ricercato.

La capacità di coniugare bellezza e praticità, creando la combinazione bello-funzionale che mette tutti d’accordo, vale ancor di più per un arredo di uso comune e frequente come il tavolo da cucina.

Proprio nella sua semplicità ed essenzialità deve saper curare ogni dettaglio: forma, dimensioni, tipologia, stile, punto cromatico, materiale, finiture.

Lube-Firenze_Tavoli-da-cucina_-Clover---Lux-04-
Tavoli da cucina. Lube Firenze. Modello cucina Clover

Gli altri aspetti da considerare in fase di scelta dei tavoli da cucina hanno a che fare con i principi base dell’ergonomia, ma anche con la logica e il buon senso.

La forma e la dimensione devono tenere conto della pianta della stanza a cui il tavolo è destinato, rispettando le proporzioni e creando una composizione che sia visivamente armoniosa, ma anche confortevole, sicura e comoda da fruire.

Se lo spazio per la cucina è ridotto, non ha molto senso riempirlo con un tavolo ampio e “fisso” a discapito della vivibilità e della facilità di movimento all’interno dell’ambiente.

Utilizzare un grande tavolo da pranzo come punto focale di una cucina di grandi dimensioni può essere una scelta stilistica intelligente.

Ergonomia e funzionalità: occhio alla forma del tavolo da cucina

Un primo elemento da valutare è l’ingombro del tavolo.

Un modello troppo piccolo o troppo grande, oltre ad essere poco funzionale, potrebbe rompere l’equilibrio compositivo dell’intera cucina.

La forma rettangolare è ancora la più inflazionata tra i tavoli a struttura fissa.

Nelle abitazioni moderne, caratterizzate da spazi sempre più contratti e condivisi, la cucina tipo consente di inserire un tavolo rettangolare con dimensioni variabili da un minimo di 110 x 70 cm ad un massimo di 160 x 90 cm.

Ergonomia e funzionalità: Tavoli da cucina
Ergonomia e funzionalità: occhio alla forma del tavolo da cucina. Modello Cucina Clover

Esulando dal tipico rettangolo, una forma molto amata (seppur non adatta a tutte le cucine) è quella priva di angoli e spigolature.

I tavoli da cucina rotondi ed ovali esprimono una classe innata e riescono a connotare gli ambienti in chiave sofisticata ed elegante, ma anche ironica e spensierata.

Le linee sinuose e femminili, il design avvolgente e la presenza di una sola gamba centrale, sono tutti elementi che tendono all’alleggerimento e alla fusione con l’ambiente circostante.

Stare attorno ad un tavolo tondo elimina le “gerarchie” del capotavola e mette tutti sullo stesso piano, facilitando la comunicazione, gli scambi e la convivialità.

Tavoli da cucina: scegliere il materiale più adatto

Una volta definita la forma e le dimensioni, occorre concentrarsi sui materiali.

Inutile dire che il tavolo in legno, che sia un modello total wood o una combo con altri materiali (metallo, vetro, marmo, laminato, ecc.), non passerà mai di moda.

Il suo fascino, infatti, è una somma di storia, tradizione, artigianato, status symbol e gusto raffinato.

Il legno è un materiale più delicato di altri.

In cucina potrebbe risultare poco pratico, perché più sensibile all’acqua, ai graffi, ai tagli e alle abrasioni.

Chi opta per il legno deve mettere in conto eventuali trattamenti protettivi e/o di restauro.

Lube-Firenze_-Clover---Neck-08-_Tavoli-da-cucina
Scegliere il materiale più adatto per il tuo tavolo. Modello cucina Neck

Un’alternativa meno pregiata ma più pratica e facile da pulire/mantenere è il laminato effetto legno.

Il tavolo da cucina in laminato imita le venature e le essenze del legno restituendo un’ottima resa estetica.

Nello stesso tempo fornisce garanzie in termini di resistenza, impermeabilità e funzionalità.

Funziona molto bene l’abbinamento piano in laminato e gambe in metallo: la robustezza del laminato viene esaltata dall’apparente leggerezza del metallo e dalle linee affusolate e slanciate delle gambe realizzate in questo materiale.

Materiali che caratterizzano la cucina in chiave elegante e ricercata sono il marmo, il quarzo, la ceramica, il vetro ceramica e il vetro temperato.

Problemi di spazio? Ecco i tavoli da cucina intelligenti!

Tra gli smart table più risolutivi negli spazi mini troviamo i tavoli allungabili e i tavoli a ribalta.

L’ingombro zero del tavolo a ribalta da chiuso è ovviamente imbattibile, anche se si tratta di una soluzione precaria e “di passaggio” che risulta funzionale solo per una colazione o uno snack veloce.

Chi cerca un tavolo che, all’occorrenza, possa raddoppiare o addirittura triplicare lo spazio per i commensali, si dovrà orientare sui tavoli allungabili.

Quest’ultimi cambiano forma (da quadrato a rettangolo, da tondo ad ovale) e trasformano il loro design grazie a sistemi modulari che aggiungono piani d’appoggio.

Una versione molto elegante, oltre che super-funzionale, è il tavolo-consolle, arredo multitasking che letteralmente si sdoppia.

Nella veste di consolle si fa compatta e discreta (la puoi posizionare all’ingresso, nel living o nella stessa cucina).

All’occorrenza, si allunga in modo sorprendente diventando un tavolo da 8, 10 o 12 posti.

Un altro modo per ovviare al problema dello spazio, quando il tavolo da cucina proprio non ci sta, è quello di progettare una cucina con penisola, utilizzando quest’ultima come bancone snack, da completare con 2 o 4 sgabelli alti.

 

Se vi siete persi gli altri articoli del Blog, eccoli qua:

 

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare anche...